top of page

La Mindfulness attraverso la poesia: 'non-giudizio'


Per ascoltare la puntata su Spotify clicca qui


'Più si giudica, meno si ama.' Nicolas de Chamfort


Jon Kabat-Zinn Mindfulness 7 attitudes: Non-judging


Nella vita quotidiana valutiamo tutto, guardiamo tutto in termini di buono o cattivo, anche il caffè della mattina viene 'inconsapevolmente' giudicato. La nostra mente genera costantemente pensieri e se osserviamo la natura di questi pensieri, ci renderemo conto di quanto giudizio contengano, sia nei riguardi degli altri, ma soprattutto verso noi stessi.


Dopo qualche ripetizione, questi pensieri giudicanti diventano un'abitudine, bloccandoci in schemi mentali rigidi che non ci permettono più a vedere le cose in un contesto più ampio. È come viaggiare in un auto con i vetri appannati, impedendoci di notare e godere di ciò che c'è.


Ora stiamo attenti a non giudicare la nostra mente, perché il meccanismo del giudizio deriva dall'evoluzione e fa parte del pacchetto della sopravvivenza. Il giudizio ci permette di metterci in allerta per le cose 'spiacevoli', per le possibili 'minacce'; in altre parole, ci permette di prepararci all'attacco o la fuga in caso di pericolo.


Il problema, quindi, non è il giudizio in sé, ma è il non esserne consapevoli.

La pratica della Mindfulness ci permette di diventare consapevoli dei nostri pensieri giudicanti e, grazie al respiro, di imparare a lasciar andare tutto il carico emotivo che si por